Poesia del pene


Leggi un Estratto All'ombra del dominio del Fallo il maschio ha smarrito la capacità di vivere il proprio corpo, le emozioni e la sessualità in maniera autonoma.

poesia del pene

Nelle attuali società della globalizzazione, liberi di essere, noi maschi non sappiamo più con certezza chi siamo. Per chi si interroga sulla propria maschilità e guarda allo specchio la propria rappresentazione di genere, la domanda è come minimo imbarazzante, a volte angosciante.

poesia del pene

Non è facile per un individuo di sesso maschile rispondere. Non è facile essere maschi al di là dei ruoli dominanti, liberandosi dagli stereotipi aggressivi del cacciatore, del guerriero, del dominatore e del padre-padrone.

poesia del pene

È difficile per i maschi parlare di se stessi e delle poesia del pene esperienze personali, del proprio 'io' emozionale, della propria sessualità e del proprio pene, organo di senso e di percezione dell'altro, connesso al corpo intero.

La relazione maschile con l'esperienza del corpo sessuato e situato, nel tempo, nello spazio, nell'ambiente, si rivela troppo spesso alienata, oscura, eteronoma.

poesia del pene

In questo libro, coraggioso e provocatorio, vengono affrontati i temi della pluralizzazione delle maschilità, della crisi del Fallo come modello unico e significante, del rapporto emozionale e sensuale con gli altri e con l'ambiente, della ricerca di una identità di genere maschile riflessiva, nonviolenta, aperta alla relazione ed al mutamento, flessibile ed amorosa.