Pulire il pene con la carta


Per loro e anche per voi ecco la guida per lavare bene il pene, perché la ricottina non piace quasi a nessuno.

pulire il pene con la carta

Il sapone La scelta del sapone è di vitale importanza. Scegliete un detergente neutro, con componenti poco aggressive, con poco profumo. Se la vostra pelle ha esigenze specifiche, invece, ricordatevi di consultare il dermatologo a proposito di questa situazione, vi indicherà il prodotto adatto a voi e al vostro fratellino.

pulire il pene con la carta

Tutti in doccia! Ad alcuni piace mettere del talco.

pulire il pene con la carta

Ritraete delicatamente la pelle del prepuzio finché riuscite a farlo senza dolore, lavate accuratamente lo smegma una sostanza lubrificante naturale che, se accumulata, assume la consistenza e il colore di una ricotta maleodorante col detergente dalla parte sottostante al prepuzio, risciacquate delicatamente e, con attenzione, riportate la pelle alla situazione di partenza.

Risciacquate e asciugate con cura. Anche in questo caso, se usate talco, non applicatelo mai sul glande e ancora meno nella parte interna del prepuzio, per evitare accumuli e irritazioni.

pulire il pene con la carta

Anche se siete in viaggio e non riuscite a fare una doccia, cercate di prendervi cura del vostro amichetto, se non con un bidet veloce, anche con delle salviette umidificate.